Seguendo la loro logica autoreferenziale le emozioni spadroneggiano nella nostra mente con 6 inclinazioni impertinenti.

  • Le emozioni sono ospiti invadenti e dispotiche. Quando si attiva un’emozione, tende a impossessarsi del governo delle altre strutture cerebrali
  • Le emozioni non hanno mai dubbi. Non esitano nell’incertezza, sono sempre reazioni istantanee alimentate da certezze.
  • Le emozioni hanno sempre buone ragioni. Producono convinzioni e verità sulla necessità ragionevole della loro esistenza.
  • Le emozioni vedono solo quello che già conoscono. Sono il prodotto delle esperienze vissute e riconoscono solo quello che hanno già sperimentato.
  • Le emozioni imparano soprattutto il peggio. L’amigdala genera una memoria neurale duratura, sensibile soprattutto alle esperienze dolorose.
  • Le emozioni scoraggiano le novità. Di fronte alla possibilità di affrontare un cambiamento, sovente esagerano difficoltà, pericoli e fatica.