fbpx
GianMaria Zapelli elsewhere

Un contributo psicologico
per una vita consapevole,
gentile ed etica.

I benefici di saperci raccontare la provenienza delle nostre paure

I benefici di saperci raccontare la provenienza delle nostre paure

La paura, incessantemente e per lo più inconsapevolmente, è uno dei macchinisti della nostra esistenza, insieme al desiderio: thanatos ed eros.

Allo scopo di evitarci dolore, la paura è il nostro custode, ci avverte, spesso ci precede, ci suggerisce strade e scelte, sovente a nostra insaputa. Senonché si insediano in noi paure che eccedono nella cautela, nel trattenerci in un recinto di sicurezza che ci preclude una vita possibile. E ben sappiano quanto le nostre paure siano credibili, tenaci e determinate nel convincerci delle loro ragioni, paralizzandoci nelle abitudini.

Semmai volessimo impossessarci di una libertà dalle nostre paure, una via spesso efficace è cercare di risalire alle loro origini. Perché, quando ne raggiungiamo la loro genesi ne possiamo mutare destinazione e futuro. Avviene uno sradicamento psicologico.

Trovare le origini delle nostre paure è un risultato preciso, chirurgico. Lo si raggiunge attraverso il linguaggio, la puntuale e viva narrazione degli accadimenti che ci hanno consegnato le nostre eredità emotive. Le origini si conquistano, non basta intuirle, occorre loro la precisione della parola, articolata e pronunciata, perché sprigionino una libertà. Riuscire ad avere parole e voce capaci di narrare l’impronta delle nostre paure è un evento generativo. Parlando di noi stessi partoriamo noi stessi. Otteniamo una forma per le nostre paure, le estraiamo dal loro mondo indistinto e oscuro, privandolo del suo potere di minaccia e controllo.

Ma come sappiamo è impegnativo denudare le origini delle nostre paure. Perché ciò che vorrebbe rimanere celato e agire camuffato si oppone alla consapevolezza, alla parola, si maschera con astuzia, per poter applicare l’automatizza e indipendente funzione protettiva delle paure.

Ma possiamo provarci. Magari all’inizio balbettando i ricordi con parole nuove, recuperando attese dolorose, cercando abbandoni che ci hanno segnato più di quanto credevamo, speranze deluse, carezze mancate e baci traditi. Possiamo impegnarci nel cercare una narrazione con parole meno approssimative, più esatte nel ricostruire e raccontarci. 

Può essere faticoso, perché ci occorre essere esigenti, non accontentarci di narrazioni approssimative. Dobbiamo pretendere dalle nostre parole di arrivare alle ferite e alle cicatrici, per impararne la genesi e poter dire chi siamo diventati senza saperlo mentre accadeva.

Ma quando troviamo le parole e le abbiamo nella nostra voce, quando abbiamo dato storia e origine alle nostre paure, e ne ascoltiamo la precisione, non troviamo un cielo cupo, ma quasi certamente uno squarcio di luce e uno sguardo un po’ nuovo. Liberato.

Potrebbe interessarti
CERCA ANCHE ALTROVE.
Parole per ispirarti
ESPLORA L'ARCHIVIO
Cerca ciò che ti incuriosisce, le idee e le parole per il tuo lessico personale.
PODCAST

Pensieri da ascoltare.

NEWSLETTER

Unisciti anche tu

Ricevi settimanalmente due post per essere anche altrove.

La tua email sarà protetta. Potrai sempre annullare l’iscrizione.
Se vuoi sapere con più precisione come verrà protetta la tua email leggi la privacy policy.