fbpx
GianMaria Zapelli elsewhere

Un contributo psicologico
per una vita consapevole,
gentile ed etica.

Essere coerenti e non paralizzati. Cosa rende impegnativa la coerenza?

Essere coerenti e non paralizzati. Cosa rende impegnativa la coerenza?

Non vi è dubbio, la coerenza è una caratteristica che gode di indubbi apprezzamenti. Sebbene vi sia un rischio: di trasformala in un totem, in un modello di comportamento che anziché virtuoso diventa paralizzante e angusto. Perché può essere una prigione, una camicia di forza che impedisce di cambiare, di cogliere aspetti che meritano attenzione, di includere realtà che meritano considerazione.

La coerenza non riguarda l’immobilità, la staticità che non cambia opinioni, abitudini, scelte. La sua misura non si accerta nell’invariabilità di idee che non mutano nel tempo, di atteggiamenti e convinzioni che vengono testardamente ripetuti, prigionieri di un’idea di coerenza come ripetizione.

Cosa invece caratterizza la coerenza e quando è un valore, una virtù? 

La coerenza riguarda il rapporto tra una promessa e l’azione, tra l’intenzione e l’impegno. L’allineamento tra pensiero e gesto, tra progetto ed esecuzione, tra quel che si crede di essere e come si agisce nei fatti.

Non è la fissità verso un principio che stabilisce quanto sia coerente una persona, ma quanto i principi che dichiara siano più o meno applicati nelle sue scelte e nelle sue azioni. Non è centrale se si cambia idea o gusto, se vengono trovate buone ragioni per cambiare, ma che le idee e i gusti che vengono sostenuti, quando vengono sostenuti, siano concretizzati e materializzati in tutti gli effettivi modi di essere.

Perciò, non si perde coerenza quando si muta consapevolmente nei giudizi, ma quando l’intenzione, il valore, il traguardo che si sono scelti non siano seguiti da comportamenti che ne rispecchiano fedelmente i contenuti.

Ciò che allora fonda la coerenza è la consapevolezza, la vigilanza di sé per presidiare la relazione tra ciò che si dichiara e come si agisce, tra ciò che si vorrebbe e ciò che concretamente si cerca. 

Per questo è così impegnativa la coerenza. Perché ciò che la rende difficile è la qualità della conoscenza di sé necessaria. È infatti facile che nella narrazione di sé stessi, nel modo di pensarsi, pur con onestà intellettuale, sfugga la consapevolezza di gesti, modi, comportamenti poco coerenti con quel che ci si immagina di essere.

È frequente un’inconsapevole difesa psicologica chiamata dissonanza cognitiva, che tiene all’oscuro di quale sia l’effettiva coerenza di cui si è agenti. Così può accadere di dissociarsi, di non vedere e riconoscere alcun legame tra le proprie convinzioni, i valori in cui si crede, con gli effettivi comportamenti adottati. La mente trova ragioni, o nasconde fatti e realtà, per consentire di sentirsi coerenti, anche se si parcheggia in doppia fila, si omette una verità, ci si adatta alle scelte più facili, ci si adira inutilmente con le persone amate.

Aspirare alla coerenza impone il rigore della consapevolezza, l’impegno a riconoscersi totalmente in quel che si fa, e anche non si fa, per confrontarlo, senza cercare alibi, con quel che si pensa di essere o si vorrebbe essere. 

La coerenza è per questo anche un impegno di autenticità con sé stessi, nel realizzare la corrispondenza tra ciò che si desidera essere e i propri modi di trasformalo in esperienze e vita. Un impegno con sé stessi che a volte deve saper affrontare la relazione con gli altri, quando si attendono da noi modi d’essere uguali a quelli che hanno già conosciuto, reclamando una nostra coerenza. Sebbene non sia alla coerenza tra chi possiamo essere e come siamo a cui queste attese guardano, ma al bisogno psicologico di non avere sorprese e non dover affrontare i nostri cambiamenti.

Potrebbe interessarti
CERCA ANCHE ALTROVE.
Parole per ispirarti
ESPLORA L'ARCHIVIO
Cerca ciò che ti incuriosisce, le idee e le parole per il tuo lessico personale.
PODCAST

Pensieri da ascoltare.

NEWSLETTER

Unisciti anche tu

Ricevi settimanalmente due post per essere anche altrove.

La tua email sarà protetta. Potrai sempre annullare l’iscrizione.
Se vuoi sapere con più precisione come verrà protetta la tua email leggi la privacy policy.