fbpx
GianMaria Zapelli elsewhere

Un contributo psicologico
per una vita consapevole,
gentile ed etica.

Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

I cinque sensi che comunicano amore

I cinque sensi che comunicano amore

L’amore è anche comunicazione, modi di giungere alla persona amata, attraverso cui trasmette il suo contenuto di calore e legame, di cura e di attenzione. Dunque, come parla il nostro amore, attraverso quale linguaggio? E come ci parla l’amore di chi ci ama?

Non ogni amore, è evidente, parla lo stesso linguaggio, si avvale della stessa grammatica, dello stesso lessico. Potremmo dire che ogni amare, ogni espressione dell’amore nei modi di amare, possiede un suo stile. E lo stile comunicativo dell’amore, come di ogni comunicazione, si avvale dei cinque sensi. Perché comunicare, raggiungere un’altra persona con un messaggio, è prodotto del corpo, soprattutto quando la comunicazione avviene a distanza molto ridotta, se non assente. I cinque sensi che mettono in relazione il nostro corpo con il mondo, nello scambio amoroso diventano il veicolo che trasforma l’amore in un messaggio, in una traccia che raggiunge i sensi dell’altro e da lì dentro il suo cuore.

Ecco allora un piccolo lessico dei sensi amorosamente utilizzati dalla comunicazione d’amore. Da notare, e forse da chiedersi, ciascuno ha un proprio modo di avvalersi dei propri sensi quando comunica il proprio amore. Non solo, ciascuno è sensibile in modo differente ai sensi della persona amata con i suoi messaggi d’amore.

Gli occhi. Vi sono sguardi e occhi che inondano il cuore che li osserva. Non occorrono parole perché nello sguardo è talmente straripante il messaggio da esserne sopraffatti.

L’udito. Non sono le parole, ma per qualcuna o qualcuno prima giunge la voce a sentenziare e imporre una seduzione. La si ascolta e il suo suono vibra dentro di noi come fosse l’eco indescrivibile di una musica incantevole.

L’odore. La vicinanza è olfatto accesso, odori che risalgono le narici sino ai sentimenti. Vi sono profumi che inebriano perché portano con sé un sentire di magia.

Il sapore. I baci possono avere sapore, possono superare le labbra e lasciare nella bocca un gusto da sentire la natura traboccante di una brezza oppure dell’acqua e di frutti.

Il tatto. Non certo per ultime vi sono anche le mani e la pelle. E non è uguale una carezza all’altra, perché ve ne sono da riceverle come un dono prodigioso, tanto sono perfette nel lasciare sulla guancia il loro regalo d’amore.

Potrebbe interessarti
CERCA ANCHE ALTROVE.
Parole per ispirarti
ESPLORA L'ARCHIVIO
Cerca ciò che ti incuriosisce, le idee e le parole per il tuo lessico personale.
PODCAST

Pensieri da ascoltare.

NEWSLETTER

Unisciti anche tu

Ricevi settimanalmente due post per essere anche altrove.

La tua email sarà protetta. Potrai sempre annullare l’iscrizione.
Se vuoi sapere con più precisione come verrà protetta la tua email leggi la privacy policy.