fbpx
GianMaria Zapelli elsewhere

Un contributo psicologico
per una vita consapevole,
gentile ed etica.

/

Riconoscere la sofferenza

Riconoscere la sofferenza

La sofferenza non ha sempre buone ragioni, a volte assale l’animo senza averne necessità. Ma qualunque siano le ragioni della sofferenza, ragionevoli o meno, appropriate o smisurate, è sempre il prodotto di un cuore ferito. 

La sofferenza, più di ogni altro sentire, ha radici che più affondano nell’identità, e per questo è l’espressione di ciò che di più unico, distintivo, irripetibile vi è in una persona. Si è facilmente simili nella gioia, perché è un sentire più facile, meno impegnativo. Nella gioia e nella felicità ci si allontana da sé, si partecipa senza pensieri e senza ripiegamenti, si è immersi nell’allegria spensieratamente. La felicità non dà da pensare.

Invece la sofferenza precipita e isola nella propria esperienza. Il dolore che si vive è il proprio dolore, perché nelle pene vissute si è in comunicazione con il terreno più personale e privato della propria esistenza. Per questo la sofferenza che si patisce non è solo un avvenimento collegato a una specifica causa. Soffrire è un’esperienza radicale, perché è la manifestazione inevitabile e irriducibile di ciò a cui l’esistenza cerca di sottrarsi, ma a cui deve arrendersi: la vulnerabilità e la debolezza. 

Perciò, dove vi è una persona che soffre, qualunque ne sia la ragione, giustificata o ingiustificata, vi è sempre una persona che vive l’intimità più impegnativa con la propria identità. E’ dunque da ricordarci quanto scrive Cesare Pavese: “L’offesa più atroce che si può fare a un uomo è negargli che soffra”.

Potrebbe interessarti
CERCA ANCHE ALTROVE.
Parole per ispirarti
ESPLORA L'ARCHIVIO
Cerca ciò che ti incuriosisce, le idee e le parole per il tuo lessico personale.
PODCAST

Pensieri da ascoltare.

NEWSLETTER

Unisciti anche tu

Ricevi settimanalmente due post per essere anche altrove.

La tua email sarà protetta. Potrai sempre annullare l’iscrizione.
Se vuoi sapere con più precisione come verrà protetta la tua email leggi la privacy policy.