fbpx
GianMaria Zapelli elsewhere

Un contributo psicologico
per una vita consapevole,
gentile ed etica.

I benefici di chi sa vivere una devozione

I benefici di chi sa vivere una devozione

Essere devoti a qualcosa suona di antico, di modi superati, in questo mondo dove il divino è ridotto al religioso. 

La devozione è una passione profonda e gentile, è la dedizione a un legame di cui si ha necessità per averne ispirazione e significati. Che sia verso un creatore trascendente, oppure verso la persona che si ama, o ancora verso i figli, ma potrebbe essere anche verso i propri ideali o verso una persona modello, la devozione non è solo amore, neppure sola ammirazione. Il sentimento della devozione riconosce del divino e se ne fa apostolo. 

E’ dunque una capacità. Per poter esistere nel cuore il sentimento del divino, ovunque lo si trovi, occorrono insieme il sentimento della finitudine, della carenza, e quello della riconoscenza, della gratitudine. Attraverso la devozione si mettono radici alla propria incompletezza, grazie a un impegno ad essere che trova in qualcosa o qualcuno ispirazione e luce. Siamo devoti e troviamo una strada, una ragione, una continuità che ci indirizza nel cercare di essere migliori.

Una caratteristica essenziale della relazione di devozione è la durata. Il nascere di una devozione ci congiunge a qualcosa che sta oltre noi stessi, che viviamo necessario, a cui ci affidiamo con il nostro impegno e la nostra attenzione, e che ci attendiamo non scompaia mai, che sia per sempre. La devozione ci insegna l’illimitato, una relazione senza fine con le cose. Ci insegna anche l’eternità.

Essere capaci di devozione è impegnativo, perché richiede di accordarsi con la propria fragilità e la capacità di gratitudine, per scegliere chi o cosa rendere divino ai nostri occhi. Tanto da generare in noi rispetto, attenzione, impegno e fedeltà. 

Avere in noi della devozione è una disciplina, perché ci allena e ci aiuta ad essere costanti e meticolosi nell’amare, nel saper far durare i legami attraverso la continuità della nostra attenzione e della nostra cura. 

Vi è il rischio che il nostro bisogno di devozione si rifugi in cose minori, in un quotidiano privo di sogni, ideali e divino. Vi è il rischio che le nostre devozioni si accontentino di oggetti, persone, routine e passioni che non ci spingono verso il divino, inteso come ciò è più lontano da noi, tanto lontano da essere ciò a cui più aspiriamo ad essere vicini. Vi è il rischio di accontentarci di una devozione modesta, ritirata dentro sogni che non ci consentono più di immaginare nuovi mondi e nuove società: una piccola devozione domestica, che non esce più di casa.

Potrebbe interessarti
CERCA ANCHE ALTROVE.
Parole per ispirarti
ESPLORA L'ARCHIVIO
Cerca ciò che ti incuriosisce, le idee e le parole per il tuo lessico personale.
PODCAST

Pensieri da ascoltare.

NEWSLETTER

Unisciti anche tu

Ricevi settimanalmente due post per essere anche altrove.

La tua email sarà protetta. Potrai sempre annullare l’iscrizione.
Se vuoi sapere con più precisione come verrà protetta la tua email leggi la privacy policy.